OTTO NUOVI ARBITRI PER LA NOSTRA SEZIONE

Alessandro La Martina, Andrea Aimar, Azedine Taoussi, Emin Sejfuli, Elisa Raineri, Erik Luciano, Nicolò Margaria e Samuele Cavallera si sono presentati davanti alla commissione esaminatrice presieduta dal collega braidese Edgardo Tiveron e formata dal componente CRA Antonio Mazza e dai padroni di casa Igor Crivelli e Silvio Lubatti, superando le prove scritte e teoriche che hanno affrontato.
Il Presidente della sezione di Cuneo Igor Crivelli ed i suoi collaboratori sono entusiasti dell’esito del corso ed augurano ad i neo-immessi le migliori fortune in questa attività, troppo spesso criticata.


LA VISITA DELL'INTERNAZIONALE DI FUTSAL

ALESSANDRO MALFER

 

Nicolò Luigi Fiori - 11/12/2017

Quella con Alessandro Malfer non è stata una consueta serata dedicata alla visita di un ospite nazionale presso la Sezione, ma una ricca occasione di crescita per tutto il movimento arbitrale di Calcio a 5 piemontese. Quello che doveva essere un semplice intervento da parte di Alessandro Malfer rivolto agli associati cuneesi, si è trasformato in una serata di alto valore tecnico ed associativo. Nell’ottica della nuova commissione del Comitato Regionale Arbitri di Piemonte-Valle d'Aosta capitanata da Luigi Stella infatti, questi incontri non devono essere esclusivi della sola Sezione ospitante l’arbitro di spicco, ma inclusive di tutta la regione arbitrale.
Sono giunti pertanto da tutte le parti del Piemonte, numerosi arbitri regionali di futsal, non soltanto per assistere all’intervento serale di Malfer, ma addirittura per approfittare della sua presenza e partecipare ad un momento insieme a lui in aula, nel tardo pomeriggio.Per gli ospiti della Sezione cuneese, in questa prima occasione è stato quindi possibile visionare e discutere alcuni video riguardanti situazioni tecniche, insieme non soltanto al massimo esponente del movimento futsal, ma anche con la ormai celebre Chiara Perona, la quale non poteva certamente mancare ad un evento simile in Piemonte.
In serata invece, Malfer ha avuto l’occasione di raccontare con genuina ma affascinante capacità oratoria, la sua passione per l’attività che svolge, rivelando ai presenti una faccia misconosciuta e accattivante di quello che dai più viene erroneamente ritenuto un ripiego arbitrale e calcistico. La voce della sua esperienza, maturata attraverso la coscienza di chi ama ciò che fa, ha piacevolmente colpito il folto pubblico che popolava la Sala Falco del Palazzo di Provincia cuneese, tra cui, degni di nota, figuravano Antonio Mazza (componente C5 CRA), Gioacchino Annaloro (ex componente C5 CRA) e Ugo Navillod (Presidente Sezione di Aosta).Terminato l’intervento ufficiale, la serata si è conclusa con un bellissimo momento conviviale insieme agli ospiti, a testimonianza sempre più inequivocabile che l’AIA prima di una grande Associazione, è una grande famiglia.

Articolo pubblicato sul sito AIA nazionale www.aia-figc.it


RTO CON IL PRESIDENTE CRA LUIGI STELLA

 

Il Presidente, accompagnato da Fabio Comito componente assistenti, Lorenzo Callegaro e Gianluca Sala componente osservatori, ha presentato tutta la nuova commissione Regionale ed ha mostrato quelli che sono stati i "numeri", non certo confortanti, dopo il primo ciclo di raduni Regionali che si sono appena conclusi. Attraverso queste statistiche, Stella, ha voluto illustrare a tutti i presenti quelli che sono gli obbiettivi che la Commissione si è prefissata per preparare gli arbitri Piemontesi ad affrontare nel migliore dei modi i difficili impegni che li aspetteranno.

La stretta collaborazione fra CRA e Sezioni, la continua formazione di Arbitri ed Assistenti, la totale trasparenza e la coerenza nel gestire tutta la forza arbitrale attuale e futura, sono solo alcuni dei metodi che la Commissione intende utilizzare per svolgere al meglio il proprio lavoro.

La serata si è conclusa con un toccante ricordo a Stefano Farina, scomparso recentemente, che ha confermato ancora di più quanto sia forte la passione per l'AIA che ci lega.

Il Presidente Igor Crivelli, il Consiglio Direttivo e tutti gli arbitri Cuneesi augurano a Luigi ed ai suoi collaboratori un anno ricco di soddisfazioni.


RADUNO CAN PRO PER MATTIA MASSIMINO

 “Consapevole competenza e giusta umiltà, sono questi i requisiti essenziali per affrontare il Campionato che è entrato ormai nel vivo”. E proprio ribadendo il concetto di squadra, emerso anche nelle giornate precedenti, Danilo Giannoccaro ha chiuso i lavori davanti alla platea di arbitri e assistenti dell’organico CAN PRO.
Nei giorni scorsi erano emersi i pilastri arbitrali che ognuno in organico deve avere: conoscenza del regolamento e preparazione atletica eccellente. Oggi, per la conclusione, il responsabile ha voluto sottolineare come gli stessi possano risultare completamente vani in assenza dell’umiltà che permetta a ciascuno di noi di continuare a mettersi in gioco migliorando giornata dopo giornata; in campionato come nella vita. Il programma odierno ha visto iniziare la giornata con la divisione di arbitri e assistenti, i primi verso il campo di Villanova di Guidonia per un allenamento di gruppo e i secondi in aula per l’esecuzione dei quiz tecnici e la visione di filmati presentati dai Componenti Calcagno, Faverani e Ciampi insieme al responsabile Giannoccaro.
Da registrare sul campo di Guidonia la presenza dei responsabili CAN D e CAI Trefoloni e Gervasoni e del componente CAN D Celi. Al rientro dal campo, i due organici di arbitri ed assistenti si sono ricompattati per due ore di tecnica in aula con visione di ulteriori filmati sulle prime giornate di Campionato.
Pausa pranzo e gli arbitri hanno lasciato Tivoli, chi in direzione casa chi verso il luogo della gara del week-end.
Per gli assistenti invece, sopraggiunti al raduno solo ieri, anche il pomeriggio è continuato con approfondimenti tecnici infusi dalla Commissione.Questo raduno, se così si può chiamare un evento come questo, non è stato solo un importante momento di crescita per il team CAN PRO ma un vero e proprio consesso nel quale la sinergia di diversi organi tecnici (CAN B, CAN PRO, CAN D e CAI) ha ancora una volta aumentato il livello già molto elevato di uniformità che da diverse Stagioni si sta con successo ottenendo. Ora non rimane che scendere in campo, ricchi dell’entusiasmo derivante da questa bellissima esperienza.

Articolo tratto dal sito nazionale www.aia-figc.it


RIUNIONE TECNICA CON MAURO TONOLINI

Giovedì 26 gennaio alle ore 20.30, presso la sala CDT del comune di Cuneo (gentilmente offerta dal comune stesso), gli arbitri della sez. “Ermanno Silvano” di Cuneo hanno respirato un po’ del calcio che conta: è stato loro ospite Mauro Tonolini, assistente di serie A, dal 2011 anche internazionale, recentemente impegnato nel quarto di finale della champion’s league 2015/16 Atletico Madrid – Barcellona e nella semifinale di Euro 2016 Germania – Francia.
Ad accogliere l’ospite di prestigio, oltre alla numerosa platea dei “fischietti” cuneesi, l’assessore allo sport del comune di Cuneo Valter Fantino e il vice delegato provinciale FIGC Giovanni Faccia.
Dopo il saluto e la presentazione dell’ospite da parte del Presidente Igor Crivelli, via con una lezione quanto mai interessante: allineamento, “wait and see”, collaborazione. Alcuni degli elementi cardine toccati nella disamina di Tonolini, che ha ricordato che “nel corso del tempo la figura dell’assistente si è evoluta di pari passo al gioco. Prima con le difese che usavano staccare il famoso libero “dietro” era più facile individuare la posizione del fuorigioco; basti anche pensare che non esisteva la figura specifica dell’Assistente Arbitrale, ruolo che veniva ricoperto da altri arbitri. Adesso con la maggiore dinamicità del calcio occorre un’applicazione costante e un sempre maggiore lavoro di squadra, reso possibile anche da supporti tecnologici”. Già, la tanto dibattuta tecnologia può essere una mano santa in determinati casi: “l’auricolare per noi è stato una delle innovazioni migliori, perché ci permette di essere in contatto costante, riusciamo sempre ad essere nel vivo dell’azione e del processo decisionale”. Positivo anche il giudizio sugli arbitri addizionali: “spesso chi guarda la tv non riesce a comprendere appieno l’importanza di queste figure. Posso garantire che in alcuni frangenti sono indispensabili e possono far attutire la pressione della gara”.
Partecipe e attiva la disanima di episodi tramite l’ausilio di video proposti, alcuni semplici situazioni di fuorigioco, altre più complesse che hanno acceso ed animato il dibattito in sala.
Al termine della riunione spazio alle domande di rito e curiosità all'ospite, che con molta umiltà si è reso disponibile: i migliori si riconoscono anche da questi particolari.


GIOIE CONDIVISE

Le nostre congratulazioni al nostro carissimo associato, OT e Delegato c/o Giustizia Sportiva FABIO RENO che nella giornata di sabato 2 settembre ha vissuto l'emozione di accompagnare la propria figlia all'altare...

Tantissmi auguri!!!